Salta al contenuto

I leader di Stati Uniti, Canada e Regno Unito si incontrano per discutere la rimozione delle restrizioni di viaggio

I ministri del G7 si incontreranno oggi per discutere della riapertura dei viaggi internazionali mentre il mondo fa ancora i conti con le restrizioni ai viaggi COVID-19.

Ministri dei viaggi delle sette cosiddette maggiori economie avanzate, Canada, Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Giappone, Italia e Francia. si incontreranno per discutere di come i viaggi possano tornare ai numeri del 2019 il prima possibile al termine della pandemia. Il Regno Unito sta organizzando l'incontro con l'obiettivo di avvicinarsi a un consenso globale su come allentare le restrizioni ai viaggi.

Airlines for Europe - il gruppo di pressione del settore - ha invitato il G7 a promuovere l'approccio dell'UE al viaggio come standard globale. I cittadini all'interno dell'UE possono spostarsi da un paese all'altro se sono completamente vaccinati o hanno prove di guarigione dalla malattia. I viaggiatori devono presentare un codice a barre cartaceo o digitale come prova della vaccinazione.

Le compagnie aeree per l'Europa hanno affermato che "accettando non solo i certificati di vaccinazione e recupero, ma anche i risultati dei test COVID-19, è sia giusto che rispettoso della privacy dei dati".

L'attuale situazione di viaggio globale

Sebbene il mondo si stia lentamente riaprendo con l'aumento dei tassi di vaccinazione, non c'è un consenso globale su come riaprire il mondo. L'allentamento delle restrizioni è stato lento e doloroso e solo di recente gli Stati Uniti hanno deciso di riaprire per i viaggi non essenziali a novembre.

Tuttavia, i dettagli sulla riapertura rimangono ancora vaghi. Gli Stati Uniti hanno annunciato che i viaggiatori avrebbero dovuto essere completamente vaccinati.

La statua della Libertà

Anche Australia e Nuova Zelanda rimangono completamente chiuse, sebbene il governo australiano si stia preparando a riaprire i suoi confini prima di Natale. La Nuova Zelanda , invece, sta perseguendo la sua politica zero-COVID e non ha piani concreti su come riaprire al mondo.

L'UE è stata una delle prime parti del mondo a riaprire ai viaggiatori internazionali. Il blocco è stato riaperto ai viaggiatori statunitensi all'inizio di quest'anno nel tentativo di rilanciare l'economia. Anche il Canada ha riaperto negli ultimi mesi ai viaggiatori completamente vaccinati di alcune nazioni, tra cui Regno Unito e Stati Uniti

Il continente asiatico si sta preparando a riaprire, ma i paesi continuano a posticipare le date di riapertura poiché i tassi di vaccinazione si bloccano. La Thailandia ha dichiarato che riaprirà parti del paese ai turisti internazionali il mese prossimo.

Il Vietnam si sta preparando a riaprire l'isola di Phu Quoc il mese prossimo, ma i bassi tassi di vaccinazione hanno costretto il Paese a posticipare la data di riapertura fino alla fine del 2021.

La Malesia , che ha tassi di vaccinazione elevati rispetto ad altre nazioni asiatiche, sta pianificando di riaprire presto ai visitatori internazionali. Anche Singapore sta pianificando di riaprire presto ai viaggiatori internazionali nonostante i casi di COVID-19 in aumento nel paese.

Tokyo, Giappone

Il Giappone ha iniziato ad allentare le restrizioni COVID-19 all'interno del paese e ha leggermente allentato le restrizioni all'ingresso. Tuttavia, la nazione è lungi dall'essere completamente riaperta ai visitatori internazionali.

L'industria dei viaggi spera che la riunione del G7 fornisca un consenso globale su come riaprire i viaggi .  

Le attuali restrizioni in tutto il mondo

La restrizione all'ingresso varia da nazione a nazione . Tuttavia, in generale, una gran parte delle nazioni consente ai viaggiatori di entrare se hanno la prova della vaccinazione . Alcuni paesi consentono l'ingresso ai viaggiatori non vaccinati, ma spesso obbligano i viaggiatori non vaccinati a sottoporsi alla quarantena obbligatoria all'arrivo .

Passaporto del vaccino contro il COVID-19

La maggior parte delle nazioni richiede ancora ai viaggiatori in arrivo di aver subito un test PCR negativo almeno 72 o 96 ore prima dell'arrivo. Un altro problema comune sono i vaccini che i paesi accettano. Alcune nazioni continuano a rifiutare determinati vaccini a causa dei timori sull'efficacia o dei ritardi nell'approvazione del vaccino.

La situazione sta migliorando, ma è ancora disordinata. Si spera che questo incontro possa spingere il mondo verso un consenso globale.

Per saperne di più:

ISCRIVITI AI NOSTRI ULTIMI POST

Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alle ultime notizie di viaggio di unitapastorale.org, direttamente nella tua casella di posta

Dichiarazione di non responsabilità: le attuali regole e restrizioni di viaggio possono cambiare senza preavviso. La decisione di viaggiare è in ultima analisi una tua responsabilità. Contatta il tuo consolato e/o le autorità locali per confermare l'ingresso della tua nazionalità e/o eventuali modifiche ai requisiti di viaggio prima del viaggio. unitapastorale.org non approva i viaggi contro gli avvisi del governo

Precedente
Le 10 migliori escursioni autunnali a New York
Prossimo
I 5 migliori parchi nazionali da visitare sulla costa orientale

berto

Venerdì 1 ottobre 2021

Il Canada richiede a tutti i soggetti di età superiore ai 12 anni di essere vaccinati due volte o di una quarantena obbligatoria di 14 giorni. Il Regno Unito sta vaccinando solo due volte i 18+. Pertanto il ricongiungimento delle famiglie con adolescenti è quasi impossibile per la maggioranza. È richiesto uno standard internazionale equo con alternative di test in cui i paesi differiscono nel regime di vaccinazione.

Atlante

giovedì 30 settembre 2021

"15 giorni per rallentare lo spread" si stanno avvicinando ai 600 giorni. I cosiddetti "esperti" si sono sbagliati completamente su tutto fin dall'inizio, quindi perché ci si dovrebbe fidare di loro adesso? E ora l'elite della classe dirigente vuole che noi contadini facciamo un'iniezione sperimentale per un virus che non è particolarmente pericoloso per la stragrande maggioranza, soprattutto al di sotto dei 70 anni? E anche questa iniezione sperimentale non ti impedisce specificamente di contrarre il virus per lo più innocuo né di diffonderlo. La mancanza di logica nel mondo in questo momento è assolutamente sorprendente.

Devin

giovedì 30 settembre 2021

@Atlante, d'accordo. È ora di coniare questo fenomeno "gocciolando la stupidità".

R

giovedì 30 settembre 2021

Non è una società libera e normale a meno che non aboliscano al 100% i test, le quarantene e i requisiti di vaccinazione. Non vale la pena viaggiare se devi iniettare una sostanza sconosciuta nel tuo corpo o farti infilare oggetti nel naso solo per attraversare un confine. Hanno esagerato in modo massiccio con la roba del covid per chiudere efficacemente la società e relegare i viaggi a un capriccio dei ricchi e dell'élite, che sono gli unici che possono aggirare tutte le restrizioni draconiane.

Stefano

giovedì 30 settembre 2021

Incrocia le dita, hai ragione e presto verrà introdotto uno standard globale. Si spera che i viaggi illimitati per le persone completamente vaccinate saranno definiti lo standard chiave per la riapertura dei confini internazionali fino alla fine della pandemia in tutto il mondo. Chi si sente molestato dalla vaccinazione essendo un obbligo per viaggiare può restare a casa ancora qualche anno, sarò felice di ripartire in sicurezza.

Ex viaggiatore arrabbiato

giovedì 30 settembre 2021

Si stanno incontrando per discutere su come implementare più restrizioni, passaporti di sorveglianza e il grande reset. Il viaggio è morto a causa di queste persone.