Salta al contenuto

Perché non conteremo mai i paesi: viaggiamo lentamente e lo amiamo

Viaggiamo lentamente e non lo faremmo in nessun altro modo.

Hai mai sentito qualcuno vantarsi in quanti paesi è stato? Sono il tipico drogato di Instagram che colpisce tutte le principali attrazioni turistiche, scatta una foto, contribuisce al turismo eccessivo e potrebbe fregarsene di meno del viaggio responsabile.

Rompiamo questo. Se vuoi visitare 100 paesi e trascorrere una settimana in ogni paese, ci vorranno due anni. Ho solo avuto un attacco d'ansia al solo pensiero. Viaggiare è assolutamente estenuante anche quando le cose vanno bene.

Cercare di "sperimentare" un paese in una settimana ed essere costantemente in movimento è una ricetta per l'esaurimento da viaggio o per un esaurimento nervoso.

La verità è che i "contatori nazionali" sono raramente in un paese abbastanza a lungo da imparare qualcosa al riguardo. Vogliono solo aggiungere un altro numero al loro conteggio. Ricevono alcune foto con le principali attrazioni turistiche e passano al paese successivo. Ancora peggio, ho parlato con viaggiatori che includono anche scali aeroportuali come visitare un paese. Veramente?

Il gioco del confronto è reale. Perché il numero di paesi che abbiamo visitato ci rende un viaggiatore migliore? Perché una foto di Instagram deve dimostrare che eravamo lì?

Perché i ricordi delle nostre esperienze non sono più abbastanza buoni?

Viaggiare non è una competizione. È un viaggio personale in cui possiamo vedere le parti belle e meno belle del mondo. Il viaggio ci permette di sperimentare culture diverse che modellano la persona che siamo. Dove impariamo che lo stile di vita dei nostri paesi non è l'unico modo. Dove iniziamo a rimuovere il lavaggio del cervello che i nostri governi e le nostre società ci hanno instillato. Per vedere questa verità, dobbiamo rallentare i nostri viaggi, prendere tutto e imparare dall'immergerci in una cultura.

Contare i paesi non porterà gioia, le esperienze sì.

viaggio lento

Cos'è il viaggio lento?

Il viaggio lento è prendersi il tempo per esplorare una destinazione a un ritmo rilassato che permette di immergersi completamente nella vita quotidiana, nelle tradizioni e nella cultura del luogo.

Per ogni persona il viaggio lento può sembrare diverso, ma l'ideologia principale dietro il viaggio lento è quella di sperimentare più delle principali attrazioni turistiche. Questo non significa saltarli ma andare oltre. Le principali attrazioni turistiche sono attentamente curate e sviluppate per mostrare le parti migliori di una destinazione. Sono pieni di turisti, troppo cari e non rappresentano la vera cultura del luogo.

Ad esempio, stiamo attualmente trascorrendo due mesi a Hoi An, in Vietnam. La nostra esperienza sembra molto diversa come viaggiatori lenti.

La maggior parte dei turisti viene qui in media per 1-2 giorni. Camminano attraverso la città antica che è un sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Hanno poi un vestito su misura per un ottimo prezzo da uno delle centinaia di sarti della zona. La sera fanno galleggiare una lanterna sul fiume prima di fare una passeggiata nel mercato notturno per assaggiare il cibo di strada. Poi si parte per l'aeroporto.

Non c'è dubbio che tutti si divertano a Hoi An, ma per il 99% dei visitatori tutto ciò che fanno è assaggiare le attrazioni turistiche entro un raggio di due isolati. Tutti quelli sono curati per il turismo di massa a prezzi gonfiati. È una catena di montaggio del turismo ogni singolo giorno. Proprio come hai spuntato un'altra destinazione sulla tua lista, eri solo un altro turista per loro.

viaggiatore lento

Abbiamo fatto tutto quanto sopra nei nostri primi due giorni e abbiamo adorato ogni momento, ma sapevamo che c'era di più in questa splendida città di due blocchi di turismo di massa impersonale.

Per il nostro primo mese abbiamo alloggiato in un hotel appena fuori dalle pazze zone turistiche. Il prezzo era incredibile e onestamente ci hanno trattato come una famiglia per tutto il tempo che siamo stati lì. A causa del nostro soggiorno più lungo, siamo stati invitati a due diverse funzioni del personale che avevano.

Abbiamo avuto la possibilità di uscire con 25 locali di Hoi An per due tradizionali feste di strada vietnamite.

Abbiamo assaggiato il cibo di strada tradizionale nel modo in cui lo mangiano i locali. Abbiamo cantato Karaoke, abbiamo conosciuto le loro famiglie e siamo diventati amici. È stata un'esperienza che non dimenticherò mai. Ci hanno comprato regali fatti a mano anche se i loro livelli di reddito sono molto bassi. Hanno anche preparato mia moglie Kashlee la sua cena speciale perché non mangia maiale o manzo.

Non eravamo solo turisti per loro, eravamo amici. Abbiamo aggiunto valore alla loro vita aiutandoli con il loro inglese. Hanno aggiunto valore al nostro dandoci una finestra su come festeggia il popolo vietnamita ed essendo semplicemente nostri amici. Hanno dato molto di più di quanto un tour potrebbe mai insegnarci sulla gente del posto. Ci hanno dato più di quanto avremmo mai potuto restituire.

Per il nostro mese successivo abbiamo alloggiato in una famiglia che era circondata da altre case tradizionali locali. La posizione era la migliore di entrambi i mondi.

Ci ha dato la possibilità di vivere tra la gente del posto, ma era vicinissimo a tutti gli ottimi ristoranti e mercati.

I padroni di casa ci hanno trattato come una famiglia e ci hanno persino invitato a cenare con loro come gente del posto. La sera abbiamo fatto un giro per vedere come trascorrono le serate i locali. Lasciano la porta di casa aperta di notte mentre sono seduti davanti alla TV a sostenere la loro squadra di calcio nazionale. È stato fantastico essere in una comunità tradizionale del Vietnam, non in un altro sviluppo turistico commerciale.

viaggio lento vietnam

La gente del posto tratta diversamente i viaggiatori lenti

Le personalità della gente del posto nei nostri confronti sono cambiate dopo la prima settimana. Invece di essere venduti a, abbiamo iniziato a ricevere amichevoli "ciao" e sorrisi.

Abbiamo stretto rapporti con le persone che gestivano gli stabilimenti che visitavamo di frequente e abbiamo persino iniziato a pagare i prezzi locali. Lasciami solo dire che non crederesti a quanto possano essere diversi i prezzi. Abbiamo imparato quali stabilimenti erano a conduzione familiare e quali erano solo trappole per turisti.

Abbiamo fatto un giro in campagna e abbiamo provato un ristorante tra le risaie che offriva alcuni dei migliori cibi sani che abbiamo provato in tutti i nostri viaggi nel sud-est asiatico.

Abbiamo appreso cosa guadagnavano i locali, come si guadagnavano da vivere, cosa facevano per divertimento e come il turismo ha cambiato la loro città.

È stata un'esperienza immersiva nella cultura vietnamita che non avremmo mai potuto vivere in pochi giorni.

Il viaggio lento è diverso per tutti

Non tutti hanno mesi da trascorrere in una destinazione, ma il viaggio lento è quello che fai. Invece di stipare così tanto in una vacanza di una settimana, prova a rallentare le cose.

Correre da un'attrazione turistica all'altra solo per finire completamente bruciato alla fine del tuo viaggio non ne vale la pena.

Dai priorità alle attrazioni che vuoi vedere, ma pensa anche ai modi in cui puoi immergerti nella cultura della tua destinazione. Il viaggio lento ti darà l'opportunità di stare più rilassato e goderti i momenti del tuo viaggio.

Il viaggio lento non è per tutti, ma se ti ritrovi con il burn-out del viaggio o stai giocando al gioco del confronto, potrebbe essere il momento di rallentare le cose.

Presto potresti ritrovarti a contare le incredibili esperienze che hai avuto piuttosto che i paesi in cui sei stato.

paesi che i non fumatori adoreranno - paesi senza fumo
Precedente
Paesi che adoreranno i non fumatori
Cina vs Canada - La Cina lancia un avvertimento sui viaggi contro il Canada
Prossimo
La Cina emette un avviso di viaggio contro il Canada

Clazz - Un Orcadian all'estero

Sabato 16 marzo 2019

Non so quanto Hoi An sia cambiato negli ultimi anni, ma mi è piaciuto moltissimo quanto fosse amichevole! Avevamo così tanti bambini che ci gridavano ciao, e noi rispondevamo xin chao e loro ridevano! Mi sono fatta avvicinare da una sarta e quando ho detto che saremmo partiti domani mattina, si è fermata e ha chiacchierato con me come un'amica. Ma si può dire quanto fosse turistico nel centro: eravamo in un caffè e ho parlato un po' di vietnamita con la cameriera e lei era DAVVERO confusa, cosa che non era successa da nessun'altra parte. Sento che un po' può fare molto, ma vorrei che avessimo avuto più tempo da trascorrere in questa bellissima città!

Trevor Kucheran

Sabato 16 marzo 2019

È ancora molto amichevole fuori dalla Città Antica! Trovo che la gente del posto sia così ansiosa di chiacchierare e salutare non appena esci dai luoghi turistici. In realtà ho dovuto visitare un dottore a Hoi An ed è stato allora che ho davvero scoperto quanto siano davvero amichevoli tutti!