Salta al contenuto

Stop Elephant Rides – Trova un santuario degli elefanti etico

David Montgomery una volta disse: "Per quasi tutta la storia umana, questi animali terrestri estremamente intelligenti e più grandi sono stati figure affascinanti". Stava, ovviamente, parlando di elefanti.

Gli elefanti fanno parte della nostra vita da secoli. Erano tradizionalmente usati nell'industria militare e nell'industria del legname. Questo avveniva prima che il disboscamento commerciale fosse vietato in molti paesi dell'Asia, a causa di problemi legati alla deforestazione e alle inondazioni. I taglialegna che possedevano elefanti hanno cercato disperatamente di guadagnarsi da vivere una volta che i giorni del disboscamento erano finiti, così tanti si sono rivolti al turismo.

Stop alle cavalcate sugli elefanti

Ora, ogni anno milioni di turisti viaggiano attraverso l'Asia, con molti che mettono "cavalca un elefante" in cima alla loro lista dei desideri. È comprensibile: l'idea di sedersi a cavalcioni di uno di questi giganti gentili mentre si snoda attraverso la giungla tropicale è a dir poco eccitante.

La verità è che gli elefanti usati per cavalcare sono gravemente maltrattati e le cavalcate sugli elefanti devono fermarsi.

Ecco perché:

La realtà di "addestrare" un elefante

elefantino e sua mamma

Gli elefanti sono animali selvatici. Non sono addomesticati come i cavalli e, in quanto tali, devono essere costretti alla sottomissione per renderli sicuri da cavalcare. Per fare ciò, gli elefanti sono esposti a un processo barbaro chiamato Phajaan o The Crush .

Il processo consiste nel prendere gli elefanti dalle loro madri e confinarli in uno spazio minuscolo dove non possono muoversi. Dato che gli elefanti vivono in branchi matriarcali, le madri elefanti faranno di tutto per proteggere i loro piccoli e spesso vengono uccise nel fuoco incrociato. I bambini vengono picchiati fino alla sottomissione con uncini e mazze, muoiono di fame e privati ​​del sonno. Essenzialmente, vengono torturati fino a quando non sono disposti a sottomettersi ai loro istruttori per evitare ulteriore dolore.

Questo processo crudele è praticato in tutta l'Asia, con circa 3000 elefanti attualmente tenuti prigionieri nelle strutture di attrazione turistica.

Il maltrattamento degli elefanti non finisce dopo l'allenamento..

crudeltà sugli elefanti in addestramento - la cotta

Il maltrattamento degli elefanti non finisce dopo che sono stati addomesticati. Molti campi di elefanti continuano a usare ganci e catene strette per controllare gli animali. Quando non lavorano, gli elefanti vengono spesso tenuti in piccoli capannoni con pavimenti in cemento. Queste lunghe ore trascorse in piedi su superfici dure possono causare problemi ai piedi e alla schiena, oltre all'artrite.

Gli elefanti sono quindi costretti a trasportare i turisti al caldo, spesso disidratati e malnutriti. È anche importante notare che gli elefanti non sono effettivamente costruiti per portare peso sulla schiena. Possono sembrare grandi e forti, ma la struttura della loro colonna vertebrale non può sostenere il peso, e così facendo può causare lesioni fisiche a lungo termine. Non solo, le selle utilizzate nell'equitazione degli elefanti possono causare dolorose vesciche e piaghe che spesso si infettano.

Il brutale sfruttamento degli elefanti è pericoloso per questi giganti gentili, ma anche per gli umani. Nel 2016, un incidente è emerso nei media mainstream che coinvolge un mahout ( addestratore) che è stato calpestato a morte da un elefante. Questo accampamento di elefanti in Thailandia ha inviato un elefante maschio a fare delle cavalcate, anche se sapevano che stava mostrando segni di aggressione e disordini. Di conseguenza, l'elefante è scattato e ha calpestato il suo mahout nel terreno, prima di caricare nella giungla con tre turisti ancora legati alla schiena.

La consapevolezza del benessere degli elefanti sta crescendo

Consapevolezza sull'abuso degli elefanti - smetti di cavalcare sugli elefanti

La domanda turistica è la ragione principale per cui gli elefanti vengono catturati e maltrattati. Il nostro desiderio di cavalcare elefanti o guardarli esibirsi in spettacoli circensi è ciò che alimenta questa attività crudele. Ma allo stesso modo in cui i turisti alimentano lo sfruttamento degli elefanti, i turisti hanno anche il potere di influenzare il cambiamento.

Per fortuna, i turisti stanno iniziando a conoscere la realtà di come vengono trattati gli elefanti. I viaggiatori ora scelgono di visitare i santuari etici degli elefanti, causando un calo della domanda di cavalcare gli elefanti. I proprietari dei campi di elefanti stanno iniziando ad accettare questo problema e si stanno sforzando di fornire esperienze più etiche.

Oggi vengono aperti sempre più santuari di elefanti in tutta l'Asia. Questi santuari stanno lavorando per aumentare la consapevolezza dei maltrattamenti coinvolti nell'equitazione degli elefanti e fornire case per gli elefanti salvati.

Man mano che la verità sull'equitazione degli elefanti si diffonde, sempre più tour operator stanno iniziando a difendere il benessere degli elefanti. TripAdvisor ha smesso di promuovere l'equitazione sugli elefanti come attività nel 2016 e da allora più di 100 altre aziende turistiche hanno seguito l'esempio.

Non è solo l'industria del turismo a spingere per il cambiamento. Nel 2018, Instagram ha utilizzato un'iniziativa in cui gli utenti alla ricerca di hashtag relativi al turismo faunistico non etico, come #elephantriding, sarebbero stati fermati. L'hashtag farebbe apparire un avviso che invita gli utenti a saperne di più su come questa attività incoraggi comportamenti dannosi per gli animali e l'ambiente.

Attenzione ai falsi santuari degli elefanti

attenzione ai falsi santuari degli elefanti

Dato l'aumento della consapevolezza del benessere degli elefanti e la comparsa di santuari per elefanti in tutta l'Asia, molte aziende stanno iniziando a commercializzarsi come santuari, senza effettivamente far rispettare questa etica. Tentano di ingannare i turisti aggiungendo frasi come "etico", "santuario" e "salvataggio" al loro nome.

Può essere difficile sapere quali attrazioni per gli elefanti sono etiche e quali no, quindi ecco alcuni segnali a cui prestare attenzione :

  • Se gli elefanti vengono tenuti in catene, vengono utilizzati ganci o gli elefanti mostrano segni di sofferenza, è probabile che vengano ancora maltrattati.
  • I veri santuari limiteranno il contatto con gli elefanti, assicurando che i visitatori osservino piuttosto che disturbarli. Alcuni "santuari" offriranno sessioni di bagno con gli elefanti, ma anche questo può essere un male per loro, in particolare se il campo consente ai turisti di sedersi su di loro per lavarli.

La mia esperienza etica con l'elefante

la mia esperienza etica nel santuario degli elefanti in thailandia

Ho visitato personalmente la Thailandia un paio di anni fa e desideravo vedere gli elefanti, quindi ho cercato alcuni santuari per assicurarmi di scegliere un'esperienza etica. Sono rimasto inorridito nel vedere quante persone avevano lasciato le recensioni di Google per alcuni "santuari", affermando che gli elefanti erano tenuti in catene e non avevano accesso all'acqua! Mi era chiaro che i falsi santuari erano un vero problema e che i turisti possono inconsapevolmente finanziare campi di elefanti non etici.

Dopo alcune ricerche, ho deciso di visitare l' Elephant Nature Park , un santuario nel nord della Thailandia. Era evidente dal momento in cui sono arrivato che i lavoratori non avevano altro che genuino rispetto per gli elefanti. Erano entusiasti e appassionati, ed entravano nei dettagli delle loro caratteristiche e personalità individuali. È stata una giornata fantastica; un ottimo modo per godersi la compagnia di questi magnifici animali, senza far loro del male.

Come trovare un santuario degli elefanti etico

parco naturale degli elefanti thailandia - santuario degli elefanti etico

Responsible Travel ha un elenco di campi di elefanti ritenuti etici e non etici per aiutarti a trovare un vero rifugio nel tuo prossimo viaggio in Asia.

Hanno individuato santuari di elefanti responsabili in:

Cambogia Laos Thailandia Sri Lanka Nepal Myanmar India Namibia Sudafrica Kenya

Hanno anche un elenco di santuari "falsi" che costringono ancora gli elefanti a eseguire giostre o trucchi. La maggior parte di questi si trova in Indonesia e Thailandia.

La mia speranza è che attraverso un'ulteriore consapevolezza della crudeltà sugli elefanti, possiamo creare collettivamente un futuro migliore per questi straordinari animali.

Circa l'autore
Lauren Pears ha collaborato a unitapastorale.org

Lauren Pears è una scrittrice di viaggi di Londra. Con una passione per lo zaino in spalla e i viaggi all'aperto, mira a ispirare le persone a uscire dai sentieri battuti, esplorare i grandi spazi aperti e viaggiare in modo più sostenibile. Segui i suoi viaggi sul suo BLOG o sui suoi social su Twitter e Instagram

PIN PER DOPO
Come trovare un santuario degli elefanti etico
Precedente
Tugu Malang - Il segreto meglio custodito di Java
Bali con bambini una destinazione adatta alle famiglie
Prossimo
Dovrei viaggiare a Bali con i bambini? – Perché è una destinazione per famiglie

Clazz - Un Orcadian all'estero

Martedì 26 febbraio 2019

Grazie per questo post! L'aumento di "santuari" non etici è preoccupante, anche se sono contento che il "turismo degli elefanti" in generale stia andando nella giusta direzione. Elephant Nature Park è ancora uno dei posti migliori in cui sia mai stato!

marionhappywanderess

Venerdì 1 febbraio 2019

grazie per questo! La consapevolezza è la chiave per fermare l'orribile trattamento degli elefanti! Sto programmando un viaggio in Thailandia e sto valutando anche di rinunciare a provare a vedere gli elefanti solo per paura di sostenere un finto santuario.

agniecha78hotmailcom

Venerdì 1 febbraio 2019

Adoro questo post! Dobbiamo portare più consapevolezza su questo, così un giorno finirà. Questo, tanto quanto altre attrazioni "turistiche" che si limitano a sfruttare gli animali e fare soldi con loro.